Email: edizioniradiospada@gmail.com

Tel.: 366.2949035

Segni di vita nel Vecchio Continente

Prezzo di vendita: 10,90 €
Prezzo di vendita: 10,90 €
Prodotto disponibile SKU: 062
Due storie, due viaggi alla scoperta dell'Europa e di se stessi, di due concittadini marsigliesi (Pitea e André) a due millenni di distanza l'uno dall'altro.
Torna a: E-Commerce

TITOLO: Segni di vita nel Vecchio Continente

AUTORE: Paolo Seruis

PRESENTAZIONE: 

Si tratta di un romanzo particolare sia nella forma - due trame diverse che si intrecciano e si richiamano a vicenda, secondo uno schema che ha soprattutto esempi nel cinema - che nel contenuto, caratterizzato da un elemento politico piuttosto marcato.

Le due storie hanno come punto di partenza comune la città di Marsiglia. Nella prima un giovane francese decide di fare un viaggio, usando sistematicamente delle navi da carico, per conoscere meglio l’Europa e soprattutto cercare di capire in maniera più limpida i suoi sentimenti di appartenenza e di amore verso di essa.

Il suo entusiasmo e idealismo giovanili si scontrano presto con una realtà segnata dalla crisi economica, dalla banalità, dalla mancanza di valori e di identità. Per resistere e sfuggire a questi mali – e all’apatia da lui giudicata la loro principale origine - decide alla fine del viaggio di andare a vivere e lavorare nel piccolo arcipelago danese delle Faer Oer, dove potrà godere dell’energia trasmessa da una natura selvaggia ed essere circondato da una comunità ancora fieramente detentrice di una identità autentica.

Nella seconda, che si sviluppa parallela alla prima con i capitoli delle due storie che si alternano a vicenda, si racconta il periplo dell’Europa compiuto dal navigatore greco del IV secolo A.C. Pitea da Massalia. Il navigatore appare un uomo guidato dall’ambizione, dalla sete di gloria e di conoscenza che mette la sua straordinaria energia più al servizio di esse che a quello della sua città che gli ha affidato una missione importante. La spedizione arriva sino all’Europa Settentrionale raggiungendo in parte gli obiettivi fissati. Tuttavia Pitea si accorge alla fine di come i suoi sforzi, nonostante tutta la sua volontà ed energia, siano insufficienti a imbrigliare le forze sovrumane del destino. Si rende conto anche che ciò che pensava e diceva di fare per amore della sua città, in realtà aveva come motore una forma di hybris che gli aveva fatto dimenticare le cose che amava di più e che, soprattutto, più meritavano il suo amore.

Durante i loro viaggi i protagonisti hanno l’occasione di riflettere a lungo sul concetto di patria e sui loro rapporti con essa. Nonostante siano delle persone altamente razionali, il fondamento del concetto di patria – così come quello dell’esistenza stessa - viene da essi rinvenuto in una matrice essenzialmente sentimentale e spirituale.

 

Nella storia ambientata in epoca contemporanea risuona evidente e costante, anche grazie al richiamo continuo di quella ancestrale che ne fa da contraltare e da supporto, la polemica contro la natura preconfezionata e artificiale del processo di integrazione europea, così come la fragilità della società europea in quanto tale, nel presente sottomessa al mercato, un domani a chiunque si mostri più forte di essa.

PAGINE 240 formato A5

© 2017 Edizioni Radio Spada

ISBN 9788898766376

PREZZO: € 10,90 + spese di spedizione

 

 

Contattaci

Edizioni Radio Spada

Nuova Sede Legale: via Matteotti, 30 - 22072 Cermenate (CO)

CF: 97664520158 | P.IVA: 02668360353

Tel. 366.2949035

edizioniradiospada@gmail.com

Il nostro Blog

Notizie, formazione cattolica, editoriali, recensioni...

www.radiospada.org

I nostri Social

Non perderti nessun aggiornamento! Resta in costante contatto con noi su:

    

Top